KEYNOTE 2017 Apple perché se non ve ne basta uno 3 è il numero perfetto 

Come è di consueto fare in questo periodo, Apple, si prepara per la nuova stagione mostrando la sua nuova line-up.

Rinfrescando i vecchi modelli e, portando sul mercato, nuovi prodotti adatti per ogni esigenza.

Continua a leggere KEYNOTE 2017 Apple perché se non ve ne basta uno 3 è il numero perfetto 

Auto o Laptop? MSI GE63 RAIDER

Il 6 settembre scorso, a Milano, MSI ha annunciato la disponibilità in Italia di un suo nuovo Laptop. Come già ampiamente detto in precedenza, MSI è un’azienda leader nella produzione di notebook da gaming, tant’è che spesso si trova a rivaleggiare con Asus, ma riuscendo a produrre portatili con un design più accattivante e soprattutto molto più leggeri.

Perché un portatile deve essere “Portatile”, quindi leggero ed MSI ha colpito nel segno anche con quest’ultimo prodotto.

Continua a leggere Auto o Laptop? MSI GE63 RAIDER

SMARTPHONE NELLE VICINANZE RIDUCE CAPACITÀ MENTALI

La capacità cognitiva è significativamente ridotta quando lo smartphone è a portata di mano… anche se è spento. Questo ha concluso un nuovo studio eseguito all’Università del Texas di Austin. L’assistente professor Adrian Ward e i co-autori hanno condotto esperimenti con quasi 800 utenti di smartphone nel tentativo di misurare, per la prima volta, come le persone riescono a completare le loro attività quando hanno lo smartphone nelle vicinanze, anche se non lo usano. Nel primo caso ai partecipanti del test è stato chiesto di sedersi davanti ad un computer per eseguire una serie di test che richiedono concentrazione assoluta da parte del candidato. I test erano a tutti gli effetti costruiti per verificare le capacità cognitive dei soggetti, ai quali è stato chiesto di posizionare il proprio smartphone in modalità silenziosa sulla scrivania, in una borsa, in tasca o in un’altra stanza.
I partecipanti che hanno posizionato il proprio smartphone in un’altra stanza hanno battuto in maniera decisiva tutti gli altri nei test: la differenza era notevole rispetto a quelli che avevano il device personale a portata di mano, mentre era meno marcata se lo smartphone si trovava in tasca o in una borsa.
Quindi più lo smartphone è a portata d’occhio di una persona e più questa tende a distrarsi. La spiegazione non è da ricercarsi nel fatto che gli individui stavano pensando al proprio smartphone, ma semplicemente venivano distratti dal processo di non pensare affatto che viene quindi attivato quando il telefono è nelle vicinanze in maniera involontaria.
In un secondo esperimento hanno partecipato persone che hanno dichiarato di avere un problema di dipendenza da smartphone, sempre con le stesse modalità del primo. In questo caso, però, ad alcuni è stato chiesto di spegnere il device elettronico e i risultati sono stati peggiori rispetto ai primi partecipanti.
Il secondo test ha messo in luce che avere il telefono spento o acceso, rivolto con lo schermo verso l’alto o verso il basso è ininfluente nelle performance delle persone che quindi hanno dimostrato capacità cognitive migliori solo quando il telefono era in un’altra stanza. Una spiegazione potrebbe essere la seguente: il cervello spreca utili risorse quando lo smartphone è nelle vicinanze, perché deve continuamente imporsi di non guardare il device o usarlo. Ward ed i suoi colleghi hanno anche scoperto che non importa se lo smartphone di una persona è acceso o spento, o se è a faccia in giù o in su sulla scrivania. Se c’è lo smartphone in vista o facilmente raggiungibile si riduce la capacità della persona di concentrarsi e di eseguire le attività perché una parte del proprio cervello lavora attivamente per non prendere in mano o usare il telefono. “Non è che i partecipanti fossero distratti perché ricevevano notifiche sul telefono”, ha dichiarato Ward. “La semplice presenza dello smartphone era sufficiente a ridurre la loro capacità cognitiva“.

Auricolari Bluetooth davvero ottimi, quelli di Aukey!

Siete alla ricerca di auricolari bluetooth davvero performanti ed economici? Ecco quello che ci ha proposto Aukey. Noi li abbiamo trovati davvero interessanti. Infatti ve ne parliamo, nello specifico, qui a seguito.

CONFEZIONE:

Ci troviamo come sempre dinnanzi a una scatola di cartone riciclato, che mostra il disegno degli auricolari contenuti all’interno. All’interno troviamo gli auricolari impacchettati a loro volta in una scatoletta più piccola, mentre in una scatoletta gemella troviamo il cavo d’alimentazione e i gommini di varie misure per i padiglioni auricolari. Come sempre Aukey ci fornisce il foglietto per la garanzia e manuale d’istruzioni, ed in questo caso anche un pratica sacchetta da utilizzare come custodia. In pratica la classica scatola Aukey completa con il necessario.

ASPETTO auricolari:

Gli auricolari, di colore nero, si presentano con un design molto semplice ma studiato, infatti osservando bene possiamo notare la presenza di una struttura aggiuntiva in gomma, oltre al classico gommino che si inserisce nell’orecchio, che si adatta perfettamente alla forma dell’orecchio in modo da isolare in modo ottimale i rumori esterni e garantire così un audio davvero ottimale. Gli auricolari sono collegati fra loro dal filo nel quel trova alloggiamento anche il microfono per le chiamate, questa struttura presenta inoltre la presa per la ricarica, i tasti del volume e il tasto on/off. Il materiale è di buona fattura e dopo le nostre prove si presenta ancora in modo ottimale, resiste bene alla polvere ed al sudore.

FUNZIONAMENTO:

Semplicissimo il collegamento con i nostri smartphone o tablet, questi auricolare di Aukey si avvalgono del bluetooth 4.1 ovvero la possibilità di essere collegati contemporaneamente a due device. Velocissimo il pairing con i device, si fa tutto tramite il tasto on/off ed il tutto è fatto. Gli auricolare oltretutto hanno al loro interno un ottimo equalizzatore per il suono che unito all’isolamento rende l’esperienza di ascolto davvero super.

GIUDIZI FINALI:

· PRO:

1. Ottimo audio;

2. Semplicità di utilizzo;

3. Prezzo contenuto per l’ottima qualità.

· CONTRO:

1. Batteria migliorabile.

CONCLUSIONI:

Sicuramente questi auricolari di Aukey possono davvero fare concorrenza a molti altri sul mercato, l’audio e l’isolamento li rendono un device davvero interessante soprattutto per chi pratica sport, ma anche chi vuole comodità e semplicità nell’utilizzo durante il lavoro potrà trovare in questo device ciò che cerca. Per acquistare i vostri auricolari cliccate QUI!

Honor 9 è arrivato uffcialmente – Scheda tecnica

Dopo il successo di Honor 8 arriva Honor 9. Il device è stato presentato ufficialmente allo Shanghai International Conference Centre in Cina.

Continua a leggere Honor 9 è arrivato uffcialmente – Scheda tecnica

Monitor Asus MX34VQ un sogno da guardare!

Monitor Asus MX34VQ un sogno ad occhi aperti!

Siete alla ricerca di un bel monitor da lavoro e per gaming? Beh in commercio ne troverete di tantissimi tipi, a partire dai 16:9 fino ad arrivare ai 21:9, ma cosa caratterizza il monitor che abbiamo provato per voi in queste settimane? Oltre ad essere bello esteticamente ha la particolarità di essere curvo! Se ne volete sapere di più seguiteci nella recensione.

monitor

CONFEZIONE:

Trattandosi di un monitor non troveremo nulla di particolare nella confezione di vendita se non il monitor stesso che come detto poc’anzi fa delle dimensioni il suo punto di forza. Con annessi tutti i cavi di collegamento, displayport, HDMI e cavo di alimentazione, con trasformatore.

ASPETTO:

Non poco leggero e massiccio, troviamo un monitor ultrawide  da 34 pollici QHD, con delle cornici davvero ridotte all’osso che aumentano sicuramente il grado di visibilità su una superficie più ampia. La base è trasparente, il che conferisce un ulteriore eleganza, ma ha anche la funzione di ricarica wireless per i vostri smartphone. Una volta avvicinato lo smartphone essa comincierà a retroilluminarsi in stile aurora grazie ai led posti all’interno di essa. Possiede anche degli speaker integrati di buona qualità, realizzati in collaborazione con Harman Kardon.

FUNZIONAMENTO:

Purtroppo il monitor non è regolabile in altezza, anche se il pannello mantiene la funzionalità basculante. Ha molteplici funzioni che lo rendono adatto soprattutto per chi fa del lavoro l’utilizzo principale, visto che è possibile guardarlo da qualsiasi angolazione per avere sempre una resa ottimale di esso. La tecnologia Flicker-Free e blue light vi permetteranno di liberarvi di quei fastidiosi mal di testa che si presentavano nel momento in cui si passavano troppe ore davanti ad un monitor. Essendo poi un 21:9 porta al fatto di non dover acquistare un secondo monitor visto che la superficie di lavoro sarà nettamente superiore e si potranno aprire e visionare più schermate contemporaneamente senza problemi.
In editing così come in grafica non avrete alcun tipo di problemi grazie alla fedeltà dei colori che questo pannello riesce ad offrire, anche in ambito gaming, certo il tempo di risposta di 5 millisencodi non rispecchierà la fascia dei gamer professionisti, ma vi assicuriamo che la differenza è davvero difficile da percepire rispetto ai concorrenti.

GIUDIZI FINALI:

– PRO:
1) Ottimo Pannelo per editng/Gaming;
2) Superficie di lavoro molto ampia;

– CONTRO:
1 Prezzo non accessibile a tutti;
2 Speaker integrati non di eccellente qualità, consigliamo l’uso di casse esterne.

CONCLUSIONI:

In definitiva noi di mobile brand vi consiglaimo assolutamente questo pannello di casa Asus, che come sempre, ci ha stupito per la sua alta qualità. Un vero e proprio best buy per chi fosse alla ricerca del monitor “Perfetto”.

Per non perdervi nessuna recensione continuate a seguirci su MobileBrand!

Per acquistare questo monitor vi basta cliccare QUI!

Hub Aukey, davvero performante!

Siete alla ricerca di un Hub USB, con tante porte 3.0? Ecco quello che ci ha proposto Aukey. Noi lo abbiamo trovato davvero bello e versatile!

CONFEZIONE:

Ci troviamo come sempre dinnanzi a una scatola di cartone riciclato, con copertura però a colori, che mostra una foto dell’oggetto contenuto. All’interno troviamo l’Hub, ben protetto, cavo USB, cavo d’alimentazione, foglietto per la garanzia e manuale d’istruzioni. La classica scatola Aukey completa con il necessario.

ASPETTO Hub:

L’Hub , di colore nero, presenta 6 porte USB 3.0 e una Charging port, che servirà per ricaricare più velocemente i vostri device, con un massimo 2,4 ampere. Il design è molto accattivante, l’oggetto è realizzato all’esterno in plastica gommata, che gli conferisce un colore opaco molto piacevole, sia alla vista che al tatto. Nella parte posteriore sono presenti il tasto On/Off, la porta USB, una porta DC IN (presa di corrente) e una porta LAN. Quindi troverete tutto ciò che vi occorre.

 

FUNZIONAMENTO:

Semplicissimo il collegamento, sarà sufficiente attaccare l’Hub a una presa di corrente e poi collegarlo tramite USB al vostro PC e sarete pronti ad utilizzarlo. La porta LAN serve principalmente per far funzionare l’Hub come una scheda di rete. Infatti se collegate il modem via cavo all’Hub e succesivamente collegate quest’ultimo al PC tramite USB sarete connessi direttamente a internet. Lascerete così libera un’ulteriore porta nel vostro device.

 

GIUDIZI FINALI:

  • PRO:
  1. Tante porte veloci da poter utilizzare;
  2. Di semplice installazione;
  3. Design minimale e per certi versi accattivante.
  • CONTRO:
  1. Non proprio economico.

CONCLUSIONI:

Sicuramente questo oggetto è la soluzione DEFINITIVA per chi ha problemi di porte USB, come chi usa Tablet, oppure Laptop, che solitamente hanno un numero di porte limitato. Può essere comodo anche per chi ha un iMac. Se lo avete sapete già quanto sia scomodo avere le entrate USB nella parte posteriore, questo Hub potrebbe aumentare di molto la comodità di utilizzo di qualunque device! Insomma, per noi, a 35,99 euro è un BEST BUY che potrete acquistare cliccando QUI!

 

Lumsing Glory P2, inizia l’avventura!

Avete mai sentito la necessità di avere un powerbank sempre pronto all’uso? Velocissimo nel caricamento, ma con un amperaggio sufficiente a sopperire al vostro “famelico” fabbisogno? Lumsing arriva direttamente con il Glory P2, 15000mAh davvero molto speciali. ATTENZIONE, NON E’ IL SOLITO POWERBANK!

CONFEZIONE LUMSING:

Anche in questo caso ci siamo trovati dinanzi a una confezione basica in cartone, con al di sopra disegnato l’oggetto contenuto. All’interno, troviamo il powerbank (in colorazione bianca o nera), troveremo un cavo di ricarica micro usb, uno usb Type-C, un manuale utente ed una User Card di Lumsing. Tutto il necessario è presente.

ASPETTO:

Questa batteria di Lumsing non è piccolissima, ma i bordi stondati nè aumentano la portabilità, infatti entra facilmente in tasche grandi. La struttura è realizzata prevalentemente in plastica lievemente gommata, di buona qualità e fattura. Disponibile nelle varianti nera o bianca. Sul lato sinistro troviamo il tasto di accensione, nella parte anteriore alta a sinistra si trovano i led che indicheranno lo stato di carica del powerbank. Nella parte superiore troviamo una porta verde, quick charge ed una blu, smart. Ci sono ben due entrate per la ricarica, micro usb e usb Type-C (ecco spiegata la presenza in confezione di entrambi i cavetti). Il design in generale è fine, curato e maneggevole.

UTILIZZO:

Ovviamente andremo ad osservare gli utilizzi che esulano da qualunque normale powerbank.

La porta usb blu, è una porta smart. Cosa significa? Per ogni device che collegherete per la ricarica, questa porta sarà in grado di valutare il miglior amperaggio per la ricarica. Impedendo così sovraccarichi della batteria o il deterioramento della stessa. Utile no? Le due entrate per la ricarica, vi aiuteranno ad avere sempre disponibile e carico il vostro Glory P2 in poche ore. Infatti con due ingressi, la velocità di caricamento sarà ridotta a ben 1/3 (a volte anche meno!), dandovi la possibilità di caricare sempre i vostri device. Che voi siate manager, motovlogger con GoPro sempre scarica (come noi), viaggiatori o “sbadati”, questo è il miglior powerbank che possiate sperare di trovare!

GIUDIZI FINALI:

  • PRO:
  1. Buon rapporto qualità/prezzo;
  2. Portabilità;
  3. Ricarica ultra-veloce.
  • CONTRO:
  1. Il bianco si sporca facilmente

CONCLUSIONI:

Con 29,90€ potrete portarvi a casa questo utilissimo oggetto. Sappiamo che non è il prezzo più basso del mercato, ma con le features che ha, secondo noi è più che giustificato! Esteticamente piacevole, dispone di porta quick charge 3.0 per chi ha fretta, porta smart per chi ha paura di rovinare le batterie e doppia entrata per la ricarica. Insomma, un must che potrete avere semplicemente cliccando QUI!

Ecco gli stampi di iPhone 8, 7s e 7s Plus

Continuiamo a parlare dei prossimi iPhone. Quelle che abbiamo tra le mani oggi sono delle foto riguardanti dei presunti stampi di iPhone 8, 7s e 7s Plus.

Continua a leggere Ecco gli stampi di iPhone 8, 7s e 7s Plus

App per sfondi in alta definizione? Ecco Sheet!

Hai mai visto immagini così definite?


Sheet è un app gratuita che ti propone una collezione in costante aumento di sfondi fino a 16K.

FUNZIONALITA’
• Accesso con Google
• Sfondi divisi per Hashtag sul menu laterale
• Imposta sfondo sulla schermata Home
• Imposta sfondo sulla schermata di Blocco
• Imposta sfondo su entrambe le Schermate
• Imposta sfondo in modalità Ridimensiona
• Imposta sfondo come Always ON (non tutti i dispositivi sono supportati)
• Possibilità di estrarre lo sfondo senza avere il file originale
• Condivisione sfondi con tutti i Social
• Possibilità di condividere sfondi anche tramite Mail
• Esprimi emozioni multiple sulla singola foto, nessun limite.
• Upload senza compressione del formato
• Anteprima del formato prima del download
• Possibilità di caricamento immagini da fotocamera, archivio, galleria o Google Foto
• Vedi le immagini anche in disposizione griglia
• App ottimizzata per tutti i Tablet, modalità a 4!
• Il download avviene in background, per assicurare una stabilità maggiore.
• Nuovi sfondi vengono aggiunti ogni settimana
• È possibile cercare sfondi per #hashtag
• Condividi i contenuti con i tuoi amici

FORMATO SFONDI


• GIF presto disponibili
• QVGA: 320 x 240 pixel
• HVGA: 480 x 320 pixel
• WVGA: 800 x 480 pixel
• FWVGA: 854 x 480 pixel
• qHD: 960 x 540 pixel
• WSVGA: 1024 x 600 pixel
• XGA: 1024 x 768 pixel
• HD / WXGA: 1280 x 720 pixel
• WXGA: 1280 x 800 pixel (Aspect Ratio 16:10)
• FHD: 1920 x 1080 pixel (FullHD)
• WUXGA: 1920 x 1200 pixel (Il FullHD in 16:10 dei Tablet)
• QHD: 2560 x 1440 pixel (2K cioè il doppio del FullHD)
• WQXGA: 2560 x 1600 pixel (16:10 dei Tablet)
• UHD: 3840 x 2160 pixel (4K cioè quattro volte il FullHD)
• WQUXGA: 3840 x 2400 pixel (4K in 16:10 per tablet)
• 4K Cinema: 4096 x 2560 pixel (Proiettori)
• UHD+: 5120×2880 pixel (Il 5K usato sugli Apple iMac)
• FUHD: 7680 x 4320 pixel (8K)
• QUHD: 15360 x 8640 pixel (16K)

MEMORIA
• La dimensione di ogni singola foto è direttamente proporzionale alla sua risoluzione, a una maggiore qualità corrisponde un peso superiore
• Sheet consiglia di verificare il peso della foto prima del download, assicurandoti di avere abbastanza memoria libera
• Sheet scarica le immagini nella sua cartella sull’archivio principale, col medesimo nome

PRESTAZIONI
• Sheet richiede un dispositivo Android con un processore minimo di 1.6 GHz

MEMORIA RAM


• Sono richiesti minimo 50 mega di ram libera per un uso senza lag.
• Sheet può richiedere fino a un massimo di 500 mega di ram, durante l’esecuzione e nei momenti di stress.

PERMESSI
• Su dispositivi con versioni di Android uguali o superiori a 5+, sono richiesti i permessi per gestire le funzionalità dell’App, nessun dato verrà conservato.

SOCIALE
• L’artista sei tu, inserisci i tuoi Wallpapers e condividili con tutta la nostra community.
• Seguiteci su Facebook per scoprire i nuovi artisti di Sheet e svelare nuovi e fantastici wallpaper – https://www.facebook.com/Sheet-1660040417638812/

RECENSIONI
• Puoi illuminare da una a cinque stelle su Google Play, ci aiuterai ad ispirarci sui prossimi update

COMPATIBILITA’
• Oltre 10000 dispositivi compatibili
• Compatibile da Android 4.4+

DICHIARAZIONE DI COPYRIGHT
• Sheet si assicura che i contenuti sono idonei, qualora non lo fossero puoi segnalarlo tramite mail all’inidirizzo [email protected]

SICUREZZA
• Sheet utilizza una crittografia a 128bit per garantire la protezione massima dei dati utente.

AGGIORNAMENTI
• Rilasciamo update constantemente per garantire la massima compatibilità

CREDITI
• Traduzione Italiana a cura di luxluminant
• L’icona di Sheet è OpenSource, l’autore è Freepic

CONSIGLI
• Hai dei suggerimenti? Scrivici e cercheremo di accontentare le richieste degli utenti, nei limiti del fattibile

ASSISTENZA
• Hai bisogno di aiuto? Contattaci nell’App dalla sezione Impostazioni > Supporto

RINGRAZIAMENTI
• Ti ringraziamo per aver scelto di usare quest’App di sfondi per il tuo dispositivo Android.

MOVIOLA IN CAMPO: SI PARTE!

L’ultimo tabù del calcio era già caduto e l’Italia può dire di aver dato il suo contributo politico alla causa.

Dalla prossima stagione di Serie A si userà la moviola in campo. Ora potrà darlo anche sul piano tecnologico e operativo perché la Figc è stata scelta da Ifab e Fifa per sperimentare, nei prossimi due anni, l’uso della moviola in campo. Si partirà subito, con la nuova stagione: un primo anno di test blindati, offline li chiama la Fifa, destinati a tarare il meccanismo soprattutto sul piano tecnico; autentico su un numero minimo di gare, nelle quali il direttore di gara potrà rivedere una decisione dubbia o prenderne una corretta grazie all’ausilio delle immagini tv e al “filtro” di un collega che non scenderà in campo ma sarà collocato davanti a un monitor. Il processo decisionale si articolerà in tre fasi ben distinte.

Nella prima sarà l’arbitro a richiedere l’aiuto del VAR per dissipare i suoi dubbi su una decisione; viceversa anche il VAR potrà segnalare all’arbitro che una chiamata deve essere rivista. Nella seconda fase il VAR riguarderà l’azione con l’aiuto di replay e slow motion e comunicherà all’arbitro quanto ha visto. Nella terza fase l’arbitro deciderà se dare retta ai suoi collaboratori o se recarsi in prima persona davanti ai monitor per rivedere le immagini incriminate. In tutti i casi la sua discrezionalità non verrà mai messa in discussione: sarà sempre lui a prendere la decisione finale. La via di mezzo scelta dai vertici pare per ora la più giusta: l’essere umano e la sua discrezionalità decisionale continueranno ad essere il centro nevralgico per garantire il regolare svolgimento del match; la tecnologia sarà l’aiuto in più, quello che darà sicurezza e, almeno sulla carta, renderà tutto più semplice.

Per non perdervi nessuna news continuate a seguirci su MobileBrand!